Epilazione con luce pulsata fai da te: tutto ciò che devi sapere

Chi bella vuole apparire, molto deve soffrire. Quante volte abbiamo sentito pronunciare questo detto popolare? E quanta verità contiene al suo interno, soprattutto se lo mettiamo in relazione a una delle attività più dolorose e necessarie per il corpo femminile: la depilazione. Eliminare i peli del nostro corpo senza affidarsi a un’estetista ci porta a effettuare una serie di scelte importanti. Indubbiamente una delle modalità più utilizzate dalle donne è l’uso di uno scaldacera, utile per ottenere una pelle liscia e vellutata nel lungo periodo.

Lo scalda cera di tipo professionale che saprà maggiormente assecondare le tue esigenze è quello a barattolo. Si compone di un contenitore per la cera ed è accompagnato da una spatolina con la quale stenderla sul corpo.

La giusta alternativa: la depilazione luce pulsata

Una delle migliori alternative allo scalda cera resta la depilazione luce pulsata a casa. I risultati che si ottengono sono davvero interessanti e permettono di eliminare per lungo tempo i peli superflui. In commercio troverai appositi epilatori che consentono di tagliare i costi spesi dall’estetista. Questo strumento permette a ogni donna di curare la propria bellezza estetica in massima autonomia. Inoltre il risultato finale è di gran lunga superiore rispetto a quanto ottenuto con l’uso delle ceretta o dei rasoi.

L’intero processo di epilazione dura in media 15 minuti e ti aiuta a ridurre nel tempo i peli. Servono almeno dai 4 ai 6 trattamenti che potrai effettuare con una distanza di circa 2 settimane. Quindi complessivamente si terminano i trattamenti in 3 – 4 mesi. Se in un primo momento l’obiettivo è quello di diminuire la presenza di peli, con l’uso prolungato è possibile ottenere una depilazione definitiva. Si tratta solo di avere un po’ di pazienza per garantire risultati perfetti.

Dalla luce pulsata al calore: come funziona?

La luce pulsata, una volta entrata in contatto con la pelle, va a generare calore. Da qui si raggiunge in profondità il follicolo del pelo per riuscire a farlo cadere bloccando anche la ricrescita. Una volta terminati i trattamenti necessari sarà opportuno effettuare un trattamento di mantenimento almeno ogni 2 mesi, o almeno ogni volta che i peli si ripresentano. Dovrai continuare fino al momento in cui non noterai una riduzione drastica della peluria.

Da notare che prima di usare l’epilatore, è importante rasare le zone da trattare, perché la luce pulsata dovrà raggiungere il follicolo pilifero quando si trova in fase di crescita. Nel momento in cui il pelo non è ancora spuntato in superficie sarà maggiormente sensibile all’esposizione alla luce e soprattutto più ricco di melanina. Evita sempre di passare più di una volta sulla stessa zona per non creare stress alla pelle.

Consigli e precauzioni utili

Oltre a far aderire la testina alla pelle per migliorare la potenza dell’epilazione ti consigliamo anche di prestare massima attenzione quando lavori su zone più delicate. Per i baffetti, le ascelle e la zona inguinale dovrai sempre regolare l’intensità della luce per evitare irritazioni e scottature. Evita di usare la testina sui nei, sulle macchie della pelle, ma anche su tatuaggi, cicatrici e piercing. In questo caso potrete utilizzare una matita bianca per occhi e coprire queste zone, labbra comprese.

Non appena avrai terminato la depilazione potrai applicare una crema neutra o un olio lenitivo, purché si tratti di un prodotto che non contenga al suo interno alcol. In questo modo la pelle sarà subito rinfrescata e apparirà leggermente arrossata dal trattamento.

Se vuoi scoprire da vicino il mondo degli epilatori elettrici ti consigliamo di collegarti al sito internet www.epilatoreelettrico.it dove troverai modelli, recensioni e consigli utili per facilitare la fase di acquisto.